now>

May 5th – September 24th 2017: Voyages dans la mer perdue. Solo show at CAC Synagogue de Delme, France

During the Jurassic period 150 to 200 million years ago, the continents and seas were not where they are today. Lorraine was then situated where the Sahara is currently located, in the shallow margins of an ocean called Tethys, near Pangaea, the sole continent of that era. The Lorraine landscape was a warm, shallow sea, dotted with small, biologically rich coral islands.

A lost sea and a raging sun are the two main characters of a story set in the commune of Delme. Matteo Rubbi was interested in the Saulnois region, and wanted to recreate it in its prehistoric version, when it was covered by a hot sea frequented by strange fish and birds. Voyages dans la mer perdue (Journeys in the Lost Sea) is an exhibition conceived and developed on-site at the CAC – Synagogue de Delme, through a series of workshops involving the local population. Matteo Rubbi’s projects are inspired by the contexts and people he meets during his travels. He assembles them for workshops, lunches or walks in the night. History and mythology are pretexts to meet, share and recreate something common. In Delme and its surroundings, it was with the participation of schools, associations, media libraries and rural households that he developed his project in collaboration with other artists. Participants re-appropriated a local history in the form of a constellation of gestures and perspectives, drawings and sounds. The exhibition gradually became a place of metamorphoses and fictions staging fantastical animals.

A moment during the workshop dedicated to the reinvention of the lost sea with musician Francesco Medda, together with students of the town of Delme. Photo : CAC – la synagogue de Delme

A moment during the workshop dedicated to the reinvention of the sun. Voyages dans la mer perdue, CAC – la synagogue de Delme, 2017. Photo : CAC – la synagogue de Delme

Whether the aim is to recount the creation of the universe, understand the theory of everything or the periodic table of elements, Matteo Rubbi’s work offers a navigation between the micro and macro, the infinitesimally small and the infinitely large. He likes to bring about impossible meetings, and causes marvellous things to spring out of banality. Playing with temporal interpolation, the past suddenly reappears so that the future comes terribly near. This return to origins is never nostalgic since it connects the contemporary world with other realities, and places things in perspective in order to better contradict certain fixed boundaries: the sun is a hot air balloon, Pluto a grain of sand and Venus an apple seed.(1)

The festive, participatory dynamic of the projects takes shape in order to reveal the invisible, the vanished, the distant. By using simple materials and through collective involvement, he summons faraway lands that are sometimes hard to imagine. Yet everything is or was real, and this presumed unreality is what the artist responds to through action. Reinventing, reconstructing, recreating origins offers new visions of our present time.

From the scientific manifesto to the adventure novel, the narrative dimension of Matteo Rubbi’s work is the stuff of everyday life, giving everyone the possibility of inventing rules to non-existent games, personifying the planets of our solar system, reconstructing a historic ship and creating cosmic scenery. As one of the characters explains in Voltaire’s Micromégas: “[Our sun] trends towards red, […] and we have 39 primary colours. Of all the suns I have approached not one resembles another, just as on your planet each and every face differs from all the others.”(2) With a solar energy, Matteo Rubbi assembles imaginary and impossible spaces in which the viewer is invited to find a place, where utopia and heterotopia find themselves linked together. But if the radiance of the tiny revolutions engendered is not always visible, the journeys he offers show the possibility of collectively producing unique cosmogonies, like a reunited sea and sun, an eternity found again.

(1) Matteo Rubbi, Planetario, 2010–14.
(2) Voltaire, Micromegas and Other Short Fictions, Penguin, 2002, p. 22.

Marie Bechetoille

Voyages dans la mer perdue, CAC – la synagogue de Delme, 2017. Photo: O.H.Dancy.

Voyages dans la mer perdue, CAC – la synagogue de Delme, 2017. Photo: O.H.Dancy.

Voyages dans la mer perdue, CAC – la synagogue de Delme, 2017. Photo: O.H.Dancy.

Voyages dans la mer perdue, CAC – la synagogue de Delme, 2017. Photo: O.H.Dancy.

Voyages dans la mer perdue, CAC – la synagogue de Delme, 2017. Photo: O.H.Dancy.

Voyages dans la mer perdue, CAC – la synagogue de Delme, 2017. Photo: O.H.Dancy.

Voyages dans la mer perdue, CAC – la synagogue de Delme, 2017. Photo: O.H.Dancy.

Voyages dans la mer perdue, CAC – la synagogue de Delme, 2017. Photo: O.H.Dancy.

Voyages dans la mer perdue. Detail of the stars, in collaboration with visual artist Alain Colardelle, CAC – la synagogue de Delme, 2017. Photo: O.H.Dancy.

Voyages dans la mer perdue, CAC – la synagogue de Delme, 2017. Photo: O.H.Dancy.

Voyages dans la mer perdue. Detail of the urchin costume prototype made by visual artist Edna Gee, CAC – la synagogue de Delme, 2017. Photo: O.H.Dancy.

Voyages dans la mer perdue. Detail of the urchin costume made by visual artist Edna Gee, CAC – la synagogue de Delme, 2017. Photo: O.H.Dancy.

Voyages dans la mer perdue. Detail of the urchin costume made by visual artist Edna Gee, CAC – la synagogue de Delme, 2017. Photo: O.H.Dancy.

Students of the primary schools of Delme reinventing the sound of the sea present in the region during the Jurassic Period.
Workshop held by musician Francesco Medda and visual artist Matteo Rubbi for the project “Voyages dans la mer perdue”, CAC – Synagogue de Delme


April – October 2017. ‘CIAK! Kibera’ a project by Cherimus between Sardinia and Nairobi, Kenya

Ph: Vince Cammarata

Kibera is a district of Nairobi. And it is also the largest informal settlement in all of sub-Saharan Africa.

Kibera lies on a hill between the green of the Nairobi National Park, some residential areas and the city center. Around one million people live in just over 256 hectares, in a city of about four million inhabitants.

The name “Kibera” is a Nubian word which means “forest”: this area, in fact, used to be covered by luxurious vegetation. Today, there is no trace of it left.

Ciak! Kibera is an adventure to which will take part Kenyan and international artists, musicians and filmmakers, who will work to realize a film together with a group of 20 children born and raised in Kibera.

They will be our fellow travelers. Together with them, we will write a story about their lives and dreams. The film will take shape through daily exchanges, where everyone will learn and teach something to the others.

Ciak! Kibera is the dream of a space of art, research and encounters where to experiment with ideas and transgress the confines of knowledge that separate cultures and, above all, people.

Ciak! Kibera is the possibility of encounters and exchanges: an opening in place of a self-referential closure.

Ciak! Kibera is an art project that involves some of the most interesting Kenyan and international artists.

Ciak! Kibera is a gaze on a part of the world that is often forgotten or simply deemed too distant.

Ciak! Kibera is a bridge without barriers that connects two continents.

Ciak! Kibera is part of “Darajart”, a project of international residences created in March 2010 by a visionary idea by ​​Marco Colombaioni (Milano 1983 – Marina di Ravenna 2011), who – after several trips to Kenya – wanted to create new possibilities through art.

CIAK! Kibera is a project funded by the Autonomous Region of Sardinia, Regional Law 11 April 1996, n. 19 (Legislation on cooperation with developing countries and on international cooperation).

The project is managed by the Association Cherimus, in partnership with the Municipality of Perdaxius, the Municipality of Narcao, Teatro di Sardegna (Cagliari), Casa Emmaus (Iglesias), Amani NGOs (Milan) and Koinonia Community (Nairobi).

Ph: Camilla Garelli

Ph: Vince Cammarata

Ph: Vince Cammarata

Ph: Vince Cammarata

Ph: Vince Cammarata


FALL 2017. Lucas Artists Program Visual Arts Fellowship Award. Montalvo Art Center, Saratoga, USA


ARTLINE MILANO

Milan Will Get Its First Public Park Dedicated to Contemporary Art

For the first time, Milan will dedicate a new public park to contemporary art, reports Valentina Barnabei for La Repubblica. Beginning in April of this year, the project will be situated in CityLife, the new neighborhood located in the city’s former Fiera area, surrounded by skyscrapers designed by Zaha Hadid, Azara Isozaki, and Daniel Libeskind.

Planned by the London-based studio of Kathryn Gustafson and Neil Porter, this urban greenspace will be inspired by the region’s Lombardy landscape—its plant-life will also be typical of the region. Among the artworks displayed—many of which will be realized along with the park’s evolution—are eight works that have been selected through the “Artline Milano” contest, created in conjunction with the park project. Invited by the city, some at the suggestion of curators Roberto Pinto and Sara Dolfi Agostini, thirty national and international artists exhibited their proposals in the Palazzo Reale, where an international jury of curators and institutional directors selected the eight winners. Artists chosen include Matteo Rubbi, Linda Fregni Nagler, Wilfredo Prieto, and Shilpa Gupta.

7_ArtLine_MatteoRubbi_2015

Cieli di Belloveso. 2015. Maquette of the project. Wood marquetry. Installation view at the show ArtLine Milano, Palazzo Reale, Milano. Ph: Alberto Fanelli


NOTTE D’ESTATE A MONTEVIDEO / A SUMMER NIGHT IN MONTEVIDEO

A project by Artificio and Radici e Ali, in collaboration with Fondazione Antonio Ratti and the contribution of Fondazione Cariplo

Notte d’estate a Montevideo. 2015-2017 Public Art Project, Parco di via Anzani, Como, Italy. Ph: Andrea Butti

Notte d’estate a Montevideo. 2015-2017 Public Art Project, Parco di via Anzani, Como, Italy. Ph: Andrea Butti

Notte d’estate a Montevideo. 2015-2017 Public Art Project, Parco di via Anzani, Como, Italy. Ph: Andrea Butti

Notte d’estate a Montevideo. 2015-2017 Public Art Project. Detail of a star. Parco di via Anzani, Como, Italy. Ph: Andrea Butti

FROM> LA PROVINCIA. MAY 1 2016

In capo al mondo

di Matteo Rubbi

Resoconto romanzato del progetto “Città in residenza” svoltosi nel quartiere di Como Borghi.

Un progetto di Artificio e Radici e Ali, in collaborazione con Fondazione Antonio Ratti e il contributo di Fondazione Cariplo.

Per chi non lo sapesse o non ha mai pensato fosse importante, gli alberi nel parco di via Anzani sono 51.

O almeno questa è una delle stime; qualcuno ne ha contati 48, altri 47, altri ancora 53. Tra una stima e l’altra, alberi interi sono apparsi e sprofondati, e noi, terrestri meno duraturi e con i piedi staccati da terra, non ce ne siamo accorti.

Antonello (botanico comasco) ha contato 15 specie di alberi, tra cui il nobile Cedro del Libano, il Cedro Atlantico (Cedrus Atlantica), perché cresce sull’atlante, in Marocco; poi il Bagolaro (Celtis Australis), il Faggio Bianco (Populus alba), il Platano orientale (Platanus orientalis), la Quercia Rossa Americana, il Leccio (Quercus Ilex), il Pitosforo, l’Acero giapponese, il Faggio pendulo, il Tiglio e la Betulla. Se le piante potessero parlare (e chissà che da sempre non lo facciano) sarebbe una vera Babele.

E chi se lo aspettava, che quattro passi nel parco sotto casa sarebbero bastati a circumnavigare il mondo: in una mezz’oretta scarsa passare dal Mediterraneo, all’Africa, alle Americhe, al Giappone? E se aggiungete altri quattro passi, davvero quattro, potreste anche toccare l’India, arrivando al cospetto del solenne Aesculus hippocastanum, oggetto d’amore degli abitanti che negli anni Ottanta l’hanno difeso strenuamente per evitarne l’abbattimento. È ancora lì, bellissimo e circondato da tutte quelle trasformerie urbane che avrebbero dovuto toglierlo di mezzo.

Il cuore pulsante del parco è tutto orientato su via Anzani, popolare via del quartiere Como Borghi, dove è collocato l’ingresso principale.

Il parco non ha nome, ma tutti lo chiamano “di via Anzani”, come quello poco lontano viene chiamato “di via Leoni”.

Il nome “Anzani”, per questo parco multietnico e multierboreo, capita proprio a fagiolo. “Anzani”, cioè Francesco Anzani, protagonista sconosciuto ai più del risorgimento italiano, comasco di Alzate Brianza, viaggiatore e combattente di qua e di là degli oceani. Fervido mazziniano, combatte per l’indipendenza greca, poi in Spagna e in Portogallo nei moti repubblicani. Lo ritroviamo qualche anno dopo dall’altra parte dell’Atlantico, in Uruguay, dove incontra il “corsaro” Giuseppe Garibaldi e dove continua la sua lotta prima contro l’Argentina e poi nella guerra civile uruguaiana. Nel bel mezzo di tutte queste avventure trova anche un paio di anni di pace, inaspettati, dove si dedicherà a viaggiare e conoscere il Sudamerica, tra Argentina, Brasile, Uruguay e Paraguay. Stabilisce la sua dimora a Paysandù, città di confine, piccola come Como e come Como bagnata dall’acqua dolce: il Rio della Plata, cioè dell’Argento.

Anzani è infine con Garibaldi sulla Speranza, la nave che ritorna in Italia, e muore poco dopo l’arrivo a Genova senza poter partecipare alle spedizioni garibaldine, fortemente provato dalle campagne uruguaiane.

Oggi, 150 anni e più dopo, nessuno sa chi sia questo Anzani, e nessuno immagina quanto alberi, toponomastica e non solo, concorrano magicamente a trasformare il parchetto in un piccolo mappamondo.

Quando ricevo l’invito, ormai più di un anno fa, a realizzare un’opera d’arte pubblica per il Parco di via Anzani, penso subito di lavorare con il quartiere, con le scuole, con le associazioni italiane e straniere. Insieme ai partner del progetto organizziamo una serie di incontri pubblici, workshop nelle scuole ed esplorazioni speciali nel parco. L’idea è di raccogliere più voci possibili e di immaginare il futuro, il più bello possibile, del parco.

Grazie alle “esplorazioni” effettuate insieme agli studenti dell’Istituto Virgilio (e anche qui vien fuori una bella fetta di mondo, nord e sud, est e ovest, 5 continenti tutti rappresentati), vengo a sapere che le panchine del parco di via Anzani sono 26, e che possono ospitare ben 140 posti a sedere, se si sta un po’ stretti; che l’albero più alto misura 13,125 Giuseppi (unità di misura inventata da uno studente delle medie), che il perimetro del parco misura esattamente 510 passi di Eloisa, che la tribuna del campetto può ospitare fino a 177 spettatori e che sul parco si affacciano 143 finestre. Si contano inoltre 7 cestini, 14 lampioni, 2 fontanelle (una malfunzionante), una roccia decorativa, un ponticello di legno, 2 tavoli, 2 altalene, 3 dondoli, uno scivolo (appena sistemato), una lapide commemorativa circondata da 17 arbusti, 2 rastrelliere per le biciclette.

Raccolti tutti i numeri del parco mi permetto allora di porgere ai ragazzi una domanda: “Che cosa vorreste fare nel parco?”. Pochi secondi ed ecco il parco animarsi all’improvviso con un concerto, una sfilata di moda, un contest di videogiochi in connessione con tutto il mondo, un teatro delle marionette, un festival/concorso internazionale di pasticceria, un cinema all’aperto, un corso di ginnastica artistica, un raduno di maghi e prestigiatori da ogni dove, un’olimpiade di palla prigioniera, una piccola biblioteca tra gli alberi, un punto ristoro (tipo chiosco siciliano), e così via, a non finire mai.

Ma dove far esibire maghi e cantanti, modelli e stiliste, pasticceri e cineasti, marionette e videogiocatori, campioni e divoratori di libri? Beh, lo spazio c’è, ed è anche grande: il campetto. Una volta, tempo addietro, era una pista da pattinaggio a rotelle, poi è diventato campo di pallavolo e poi più nulla. Oggi è uno spazio che non ha funzione, forte dei suoi 25 metri x 15, con un mantello antiurto ora divelto che svela la singolare pavimentazione sottostante: vecchie mattonelle di cemento e graniglia bianca e nera.

Negli stessi giorni incontro più volte un gruppo di abitanti del quartiere. Il dibattito su come far diventare il parco più bello è da subito acceso e appassionante. Il punto più dolente è quel blocco di bagni pubblici chiusi decine di anni fa e rimasti un cubicolo grigio tra gli alberi. Ma gli animi si infiammano anche per il povero campetto, per i giochi dei bambini piuttosto malconci, per i vandalismi e per la sicurezza, soprattutto quella dei più piccoli.

L’ultimo appuntamento del mio soggiorno comasco è con un bellissimo pic-nic tra gli alberi, dove abitanti, associazioni e istituzioni si incontrano (e scontrano) a colpi di torte salate, pane fatto in casa, pasta e torte. Dopo l’ultimo boccone comincia un’esplorazione botanica del parco con Antonello, quella di cui parlo all’inizio di questo racconto, dove conosciamo gli alberi ad uno ad uno, i loro nomi e le loro origini, dove ci accorgiamo che ad aprire di più gli occhi non si rimane mai soli, in fondo.

Ritornato a casa, a Bergamo, ripenso al parco e a tutte le idee e suggestioni che sono venute fuori giorno dopo giorno. Penso che quel luogo sia veramente amato dal suo quartiere e che se tutte le visioni delle persone si avverassero all’improvviso, quel parco diventerebbe il cuore pulsante della città, un vero luogo di aggregazione, di gioco e di progetto, dove tutte le comunità avrebbero modo di ritrovarsi e lavorare insieme.

La mia idea di opera d’arte pubblica per il parco è di contribuire a trasformare almeno una delle sue parti, rispondere ad almeno una delle criticità emerse durante gli incontri.

Il mio sogno sarebbe ripristinare e ridisegnare il campetto.

Con il mio lavoro e il prezioso contributo dei cittadini vorrei renderlo finalmente libero e disponibile, sperando che tutte le idee emerse durante gli incontri nel quartiere e nelle scuole possano diventare presto una bella realtà, grazie anche al supporto delle istituzioni e delle diverse realtà associative della città.

In questo lavoro mi stanno aiutando Luminanda e CSLS, gli enti capofila del progetto Artificio e del progetto Radici e Ali, con la preziosa collaborazione della Fondazione Antonio Ratti.

bacheca